Tre attività Montessori per i piccoli da zero a nove anni (+1 anche per i grandi)

Da zero a tre anni: il pannello multisensoriale

Un pannello montessoriano incuriosisce e stimola molto i bambini, specie se vengono presentate diverse attività. Ci sono diversi tipi di pannelli a seconda delle finalità del gioco. Ci sono quelli più sensoriali, che stimolano ad esempio il tatto con proposte di texture diverse da toccare a quelli che racchiudono diverse esperienze e oggetti diversi, definibili appunto multi-attività.

Le diverse tipologie di pannelli permettono di sviluppare varie abilità e competenze, utili nella vita quotidiana, attraverso la pratica e lo sviluppo del bambino:

  • la manualità e il tatto
  • l’apprendimento e il ragionamento
  • la concentrazione e le strategie

In origine questi pannelli erano semplici tavole di legno a cui erano fissati materiali di uso comune, con consistenze e materiali diversi, in modo tale che il bambino potesse sperimentare esperienze tattili di varia natura.

Successivamente altri pedagogisti tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento si sono interessati al ruolo delle esperienze sensoriali in relazione allo sviluppo infantile, producendo pannelli sensoriali e delle attività differenti. Possiamo quindi trovare un mix di stimoli diversi, come quelle puramente sensoriali che riguardano consistenza, forma e colore diversi, ad attività come aprire/chiudere serrature e lucchetti, annodare/sciogliere lacci come quelli delle scarpe e piccoli compiti ispirati alla vita di tutti i giorni.

Da tre a sei anni: la tavola dei colori

Come altri strumenti del metodo Montessori, la realizzazione della ruota per imparare i colori prende le mosse da oggetti che fanno parte della vita quotidiana con cui anche i bambini dovrebbero avere l’occasione di entrare in contatto.

Si tratta delle mollette per stendere il bucato. Se in casa abbiamo già a disposizione delle mollette di legno, perché le abbiamo sostituite con delle mollette di plastica, ecco un’ottima occasione per pensare al riciclo creativo e per riutilizzarle in una maniera davvero divertente per i bambini, sia a casa che a scuola.

Quali sono i benefici del proporre al bambino di giocare con la ruota dei colori?

1) Imparare a riconoscere i colori e impararne i nomi anche in inglese o un’altra lingua straniera (se decidiamo di scrivere il nome in più lingue)
2) Imparare ad abbinare un oggetto al colore corrispondente.
3) Affinare la coordinazione mano-occhio.

Dai 6 ai 9 anni: rendere interessante la geografia

Maria Montessori, convinta che attraverso il gioco il bambino impari in modo automatico, fece costruire dei puzzle di legno raffiguranti il planisfero, i continenti e gli stati. Il bambino, giocando come con un normale puzzle a incastro, memorizza attraverso l’uso della mano, le forme, le posizioni e le relazioni tra i vari pezzi.

Questo materiale viene presentato nelle Case dei Bambini e riutilizzato nelle scuole elementari, dove i puzzle vengono associati alle nomenclature e alle carte fisiche degli Stati. Si possono usare anche le cartine in rilievo per vedere le montagne o le pianure o “disegnare” i continenti con la schiuma da barbanoa addirittura costruire un mappamondoncon la cartapesta.

Il barattolo della calma: anche per i grandi!

Il barattolo della calma, spesso chiamato anche in inglese calming jar, è uno strumento utilizzato per distogliere i bambini dall’agitazione e riportarli alla calma. Viene proposto in particolare in momenti di pianto esasperato o di litigio per recuperare un benessere interiore.

Il barattolo della calma, con i suoi bellissimi colori, con il suo contenuto fluttuante, con il suo silenzioso movimento, attira l’attenzione dei bambini (ma anche degli adulti!) spezzando la tensione del momento e gettando le basi per un dialogo più tranquillo e aperto.

Utile anche per i grandi!

Per questo motivo, è utile da proporre anche in un momento di litigio da due bimbi, a scuola o a casa.

Il contenuto del barattolo della calma è fluido e brillante: scuotendolo si muove, per poi cominciare a scendere lentamente, attivando una sensazione di calma e relax.

Il barattolo della calma si può realizzare in casa in pochi minuti. È possibile prepararlo insieme ai bambini, sarà un simpatico lavoretto da proporre, ma mi raccomando! Usatelo con parsimonia, in modo da non spezzare la magia o il bambino lo considererà un gioco qualsiasi!

Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino”. (Maria Montessori) la foto di copertina mostra una giostrina Gobbi, uno dei primi strumenti per sviluppare l’intelligenza e l’attenzione dei neonati.

Fonte: greenme.it e montessori4you.it. 101 attività Montessori dai 18 mesi di Eve Herrmann.

Lascia un commento