La scuola sul balcone. Storia di un maestro con la mascherina.

… Domani in Campania partirà la Dad.
… Io e i bambini delle classi proveremo invece la DAB – didattica ai balconi. Passerò sotto i balconi, i palazzi, le strade, le case, i vicoli di ognuno di loro e continuerò quello che avevamo lasciato sospeso in classe : leggere Rodari e partire da quei testi per dare una consegna.
… In questi tempi difficili, dove la situazione è seria, il tempo di incertezza e paura la fa da padrone.
Lasciamo sperare e credere ai bambini che nel rispetto di ogni regola, piccoli gesti di condivisione sono ancora possibili.
A distanza, mascherati, da soli, ma nulla è perduto.
È un tempo difficile, facciamo di necessità virtù.”

Scrive così sulla sua pagina Facebook, il giovane maestro elementare napoletano Tonino Stornaiuolo. In una bella giornata scaldata dal sole di Napoli, ha deciso di abbandonare la sua postazione davanti al PC per passare dalla DAD, l’arcinota didattica a distanza così usata in questi ultimi mesi a causa del Covid, alla DAB, la didattica ai balconi.

Armato di una mascherina e un libro di Rodari è andato in cerca dei suoi alunni sotto i loro balconi, per dare vita ad un’iniziativa poetica e originale allo scopo di raggiungere quei bimbi nei quartieri più popolari, dove la dad potrebbe rimanere seriamente un miraggio.

La DAD non è per tutti, sembra voler dimostrare Tonino. Ci sono substrati di società che rimarranno indietro inevitabilmente, perché i mezzi non ci sono, non c’è il supporto, non c’è motivazione. Il maestro Tonino ha deciso di farsi testimone di un modo di vivere questo tempo parecchio complicato sperimentando alternative. E portare Rodari nelle case è già una carta vincente.

L’insegnante ha letto: “Telegramma” e “La fuga di Pulcinella”, due testi il cui tema è quello della libertà e ha attirato ai balconi non solo i bambini, ma anche gli adulti, creando così un piccolo evento che è un’occasione per ribadire che la cultura è gioia collettiva.

Lo stesso maestro, sempre dalla sua pagina Facebook commenta così questa fantastica alternativa al PC:“Vengo ora stanco ma super carico, dalla giornata di Dab (didattica ai balconi)…la bellezza di vedere i bambini felici, di narrare con e per loro…nelle strade, nei vicoli dai balconi… L’emozione e la gratitudine dei genitori era incontrollabile, ma sono io che ringrazio loro… Abbiamo letto Rodari con la gente che si affacciava dai palazzi e dai bassi. Eravamo distanziati, mascherati, pochi e nella più totale sicurezza…
… La situazione attuale è delicata e seria, ma noi dobbiamo mostrare ai bambini che le difficoltà, insieme, possono essere superate…
…Non ho tante altre parole perché ancora frastornato dalle emozioni e dagli occhi dietro le mascherine…
Di necessità virtù.”

Continua così, maestro!

Fonte: repubblica.it greenme.it e foto da Pinterest

Lascia un commento